Tumore polmone
OncoPneumologia
Ats

Desametasone e terapia di supporto con o senza radioterapia panencefalica nel cancro del polmone non-a-piccole cellule con metastasi cerebrali non-adatto alla resezione o alla radioterapia stereotassica


La radioterapia dell’intero cervello ( WBRT ) e il Desametasone sono ampiamente utilizzati per il trattamento delle metastasi cerebrali da tumore del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), anche se non ci sono studi clinici randomizzati che dimostrino che la radioterapia panencefalica migliora sia la qualità di vita che la sopravvivenza globale.

Anche dopo il trattamento con radioterapia panencefalica, la prognosi di questo gruppo di pazienti è sfavorevole.
Si è verificato se la radioterapia panencefalica possa essere omessa senza un effetto significativo sulla sopravvivenza o sulla qualità della vita.

QUARTZ ( Quality of Life after Treatment for Brain Metastases ) è uno studio di non-inferiorità, di fase 3, randomizzato, effettuato presso 69 Centri nel Regno Unito e in 3 Centri australiani.

I pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule con metastasi cerebrali non-idonei per la resezione chirurgica o la radioterapia stereotassica sono stati randomizzati a terapia ottimale di supporto con Desametasone più radioterapia panencefalica ( 20 Gy in 5 frazioni giornaliere ) o a cura di supporto ottimale da sola comprendente Desametasone.

La dose di Desametasone è stata determinata dai sintomi dei pazienti e titolata verso il basso se i sintomi miglioravano.

L’assegnazione al gruppo di trattamento è stata fatta stratificando per Centro, Karnofsky Performance Status ( KPS ), sesso, stato delle metastasi del cervello e stato del cancro ai polmoni primario.

L'esito primario era rappresentato dagli anni di vita aggiustati per la qualità ( QALY ).

QALY sono stati generati dalla sopravvivenza globale e dal completamento settimanale da parte dei pazienti del questionario EQ-5D.
Il trattamento con la sola terapia di supporto è stato considerato non-inferiore se era peggiore non più di 7 giorni QALY rispetto al trattamento con radioterapia panencefalica più terapia di supporto, che ha richiesto 534 pazienti ( 80% potenza, 5% livello di significatività unilaterale ).

Tra il 2007 e il 2014, 538 pazienti sono stati reclutati da 69 Centri nel Regno Unito e 3 Centri in Australia, e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere terapia di supporto più radioterapia panencefalica ( n=269 ) oppure solo terapia di supporto ( n=269 ).
Le caratteristiche basali erano bilanciate tra i gruppi, e l'età media dei partecipanti era di 66 anni.

Sono stati segnalati significativamente più episodi di sonnolenza, perdita di capelli, nausea e cute secca o prurito mentre i pazienti erano in cura con la radioterapia panencefalica, anche se non vi è stata alcuna evidenza di una differenza nel tasso di eventi avversi gravi tra i due gruppi.

Non c'è stata evidenza di una differenza nella sopravvivenza generale ( hazard ratio, HR=1.06 ), qualità di vita complessiva, o uso di Desametasone tra i due gruppi.

La differenza tra le medie di QALY era di 4.7 giorni ( 46.4 giorni QALY per il gruppo terapia di supporto più radioterapia panencefalica versus 41.7 giorni QALY per il gruppo solo terapia di supporto ).

Sebbene la misura di esito primario comprenda il margine di non-inferiorità prespecificato, la combinazione della piccola differenza di QALY e l'assenza di una differenza nella sopravvivenza e qualità di vita tra i due gruppi indica che la radioterapia panencefalica fornisce un piccolo ulteriore beneficio, clinicamente significativo, per questo gruppo di pazienti. ( Xagena2016 )

Mulvenna P et al, Lancet 2016; 388: 2004-2014

Onco2016 Pneumo2016 Neuro2016 Farma2016


Indietro