Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Pneumobase.it
OncoPneumologia

BPCO: la terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria non influenza la mortalità generale ed è associata a un maggiore rischio di polmonite


Studi recenti sulla terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria ( ICS ) nella gestione della malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ) hanno portato a risultati contraddittori riguardo alla sopravvivenza e al rischio di eventi avversi.

Ricercatori del Johns Hopkins University a Baltimora negli Stati Uniti, hanno condotto una revisione sistematica e una sintesi quantitativa degli effetti della terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria sulla mortalità e gli eventi avversi nei pazienti con BPCO stabile.

Sono stati inclusi nella revisione 11 studi in doppio cieco, randomizzati e controllati ( 14.426 pazienti ) che hanno confrontato la terapia con corticosteroidi per via inalatoria per 6 o più mesi con una terapia inalatoria non-steroidea nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva

Negli studi con dati di mortalità non è stata osservata alcune differenza nella mortalità a 1 anno per tutte le cause ( 128 decessi tra i 4.636 pazienti nel gruppo trattamento e 148 tra i 4.597 pazienti del gruppo controllo; rischio relativo, RR=0.86; P = 0.20 ).

Negli studi con dati sulla polmonite, la terapia corticosteroidi per via inalatoria è risultata associata a un’incidenza significativamente più alta di polmonite ( 777 casi tra i 5.405 pazienti nel gruppo trattato e 561 casi tra i 5.371 pazienti del gruppo controllo; RR=1.34; P = 0.03 ).

Ulteriori analisi hanno mostrato un aumento di rischio di polmonite nei seguenti sottogruppi: dose più alta di corticosteroidi per via inalatoria ( RR=1.46; P=0.008 ), breve durata della terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria ( RR=2.2; P < 0.001 ) minore volume espiratorio forzato nel primo secondo di espirazione ( FEV1 ) al basale ( RR=1.90; P = 0.002 ) e terapia combinata con corticosteroidi per via inalatoria e broncodilatatori ( RR=1.57; P < 0.001 ).

In conclusione, tra i pazienti con BPCO la terapia a base di corticosteroidi per via inalatoria non influenza la mortalità per tutte le cause ed è associata a un maggiore rischio di polmonite.
Ulteriori studi potranno determinare se specifici sottogruppi di pazienti con BPCO possono trarre beneficio dalla terapia con corticosteroidi per via inalatoria. ( Xagena2008 )

Bradley Drummond M et al, JAMA 2008; 300: 2407-2416


Pneumo2008 Farma2008


Indietro