Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
OncoPneumologia

Carcinoma del polmone non-a-piccole cellule, naïve alla chemioterapia, avanzato: combinazione Nivolumab e Ipilimumab come prima linea


Lo studio CheckMate -012 sta valutando Nivolumab ( Opdivo ) e Ipilimumab ( Yervoy ), due farmaci immuno-oncologici, in pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), naïve alla chemioterapia, in fase avanzata.

In questo studio, Nivolumab è stato somministrato in monoterapia o in combinazione con altri farmaci, tra cui Ipilimumab, secondo diversi dosaggi e schedule.

I risultati aggiornati, presentati al 52° Congresso Annuale dell'American Society of Clinical Oncology ( ASCO ), includono dati di un'analisi combinata di due coorti con regime di combinazione Nivolumab e Ipilimumab ( 3 mg/kg di Nivolumab ogni due settimane e 1 mg/kg di Ipilimumab ogni sei [ Q6W ] oppure 12 settimane [ Q12W ]; n = 77 ), che hanno mostrato un tasso di risposte che aumentava con l’aumentare dell'espressione di PD-L1.

In queste coorti con regime di combinazione, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) confermato nei pazienti con espressione di PD-L1 maggiore o uguale all’1% è stato del 57% e l'ORR confermato per quelli con espressione di PD-L1 maggiore o uguale a 50% è stato del 92% ( n = 12/13 ). Nei pazienti con espressione di PD-L1 inferiore a 1% l’ORR è stato del 17% ( n = 3/17 ).

Il tasso di risposta obiettiva nella popolazione globale, che ha incluso tutti i pazienti indipendentemente dal livello di espressione di PD-L1, è stato pari al 47% e al 39%, rispettivamente per le coorti Q6W e Q12W.

Nello studio, il tasso di eventi avversi di grado 3-4 legati al trattamento è stato del 37%, 33% e 19%, rispettivamente nelle coorti con regime di combinazione Q12W, Q6W e con Nivolumab in monoterapia.
Il tasso di eventi avversi di grado 3-4 legati al trattamento che hanno portato a interruzione è stato rispettivamente del 5%, 8% e 10% nelle tre coorti.
Non sono stati registrati decessi legati al trattamento.

I risultati di questo studio forniscono importanti approfondimenti sull’immunoterapia di combinazione Nivolumab e Ipilimumab e supportano il potenziale di questa combinazione come opzione di trattamento in prima linea nel tumore del polmone non-a-piccole cellule avanzato.

I risultati di CheckMate -012 confermano la schedula di dosaggio selezionata ( 3 mg/kg di Nivolumab ogni due settimane e 1 mg/kg di Ipilimumab ogni 6 settimane ) in valutazione in altri studi, incluso lo studio di fase III CheckMate -227 che confronta Nivolumab, il regime di combinazione Nivolumab e Ipilimumab e Nivolumab in associazione a chemioterapia a base di Platino verso la sola chemioterapia a base di Platino in pazienti con tumore NSCLC in stadio IV o recidivante, naïve alla chemioterapia.

Studio CheckMate -012

L'endpoint primario di CheckMate -012 è uno studio di fase Ib, multi-braccio, è la sicurezza, quelli secondari sono il tasso di risposta obiettiva e la sopravvivenza libera da progressione a 24 settimane. Endpoint esplorativi includono la sopravvivenza globale e l'efficacia in funzione dell’espressione di PD-L1.
Nello studio è stata determinata l'espressione di PD-L1: il 68% dei pazienti nella coorte Q12W e il 77% nella coorte Q6W esprimevano PD-L1.

Nello studio CheckMate -012 si sta anche valutando l'efficacia secondo l'espressione di PD-L1, un endpoint esplorativo, di Nivolumab in monoterapia e in combinazione con Ipilimumab in schedula Q6W e Q12W.

Il tasso di eventi avversi totali nei bracci di combinazione Q12W ( 82% ) e Q6W ( 72% ) è risultato comparabile a quanto osservato nel braccio con Nivolumab in monoterapia ( 71% ).
Gli eventi avversi legati al trattamento nei pazienti trattati con schedula di dosaggio ottimizzata ( 3 mg/kg di Nivolumab ogni due settimane e 1 mg/kg di Ipilimumab ogni 6 settimane ) hanno interessato la cute ( 36% ), l'apparato gastrointestinale ( 23% ), il sistema endocrino ( 20% ) e l'apparato polmonare ( 6% ). ( Xagena2016 )

Fonte: BMS, 2016

Pneumo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro