Pneumobase.it
OncoPneumologia
Esmr
Tumore polmone

Effetto della somministrazione intravenosa di Interferone beta-1a sulla espressione polmonare di CD73 e sulla mortalità da sindrome da distress respiratorio acuto


La perdita vascolare polmonare si presenta presto nella sindrome da distress respiratorio acuto.

La mortalità è alta ( 35-45% ), ma non esiste una farmacoterapia efficace.

La produzione di adenosina anti-infiammatoria da parte della ecto-5'-nucleotidasi ( CD73 ) aiuta a mantenere la funzione endoteliale di barriera.

Uno studio ha valutato se l’Interferone beta-1a ( IFN-beta-1a ), che aumenta la sintesi di CD73, fosse in grado di ridurre perdite vascolari e mortalità in pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto.

In studi ex-vivo, è stato prima stabilito che IFN-beta-1a induce la sovra-regolazione di CD73 in campioni di tessuto polmonare umano in coltura.

In seguito sono state valutate sicurezza, tollerabilità ed efficacia della somministrazione intravenosa di IFN-beta-1a ricombinante umano ( FP-1201 ) in pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto in uno studio in aperto ( che prevedeva fasi di aumento di dose e di espansione ).

Sono stati reclutati pazienti da 8 Unità di terapia intensiva ( UTI ) nel Regno Unito.

I pazienti eleggibili avevano un’età uguale o superiore a 18 anni, sindrome da distress respiratorio acuto ed erano in trattamento con ventilazione assistita.

Nella prima fase, di aumento della dose, è stata stabilita la dose ottimale tollerata.

Una volta stabilita, la dose ottimale tollerata di FP-1201 è stata somministrata per 6 giorni per via endovenosa a tutti i pazienti arruolati.

È stata valutata la mortalità a 28 ( endpoint primario ) in tutti i pazienti in trattamento con la dose ottimale tollerata verso la mortalità a 28 giorni in un gruppo di pazienti che non aveva ricevuto il trattamento ( questo gruppo controllo comprendeva pazienti in studio ma non in trattamento perché sottoposti a screening durante la finestra di sicurezza dopo l’aumento di dose ).

IFN-beta-1a ha aumentato il numero di vasi CD73-positivi nelle colture polmonari di 4 volte al giorno 1 ( p=0.04 ) e di 14.3 volte al giorno 4 ( p=0.004 ).

Per lo studio clinico, nel periodo 2009-2011, sono stati identificati 150 pazienti, 37 dei quali sono stati arruolati nello studio e hanno ricevuto il trattamento.

Il gruppo controllo era costituito da 59 pazienti reclutati per prendere parte allo studio, ma che non avevano ricevuto il trattamento.

Caratteristiche demografiche e gravità della malattia non hanno mostrato differenze tra il gruppo trattamento e il gruppo controllo.

La dose ottimale tollerata di FP-1201 è stata di 10 mcg al giorno per 6 giorni.

Al giorno 28, 3 ( 8% ) dei 37 pazienti nella coorte trattamento e 19 ( 32% ) dei 59 nella coorte controllo erano deceduti; di conseguenza, il trattamento con FP-1201 è risultato associato a una riduzione del 81% nei rischi di mortalità a 28 giorni ( odds ratio, OR=0.19; p=0.01 ).

In conclusione, FP-1201 iper-regola l’espressione polmonare di CD73 nell’uomo, ed è associato a una riduzione della mortalità a 28 giorni in pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto.
Queste osservazioni devono essere confermate in studi randomizzati, prospettici e di ampie dimensioni, ma suggeriscono che FP-1201 potrebbe essere la prima farmacoterapia efficace, mirata e specifica per la malattia, per pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto. ( Xagena2014 )

Bellingan G et al, Lancet Respir Med 2014; 2: 98-107

Pneumo2014 Farma2014


Indietro