Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
OncoPneumologia

Efficacia della combinazione Docetaxel e Nintedanib come terapia di seconda linea nel tumore del polmone non-a-piccole cellule


Uno studio, randomizzato, multicentrico, in doppio cieco, di fase 3, ha mostrato che l'aggiunta di Nintedanib a Docetaxel ha prolungato la sopravvivenza libera da progressione tra i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule che hanno progredito dopo chemioterapia di prima linea.

Inoltre è stato riscontrato che la combinazione Docetaxel e Nintedanib ha prodotto un miglioramento della sopravvivenza generale tra i pazienti con diagnosi istologica di adenocarcinoma.

Nintedanib è un triplo inibitore orale della angiochinasi.

L'analisi ha incluso 1.314 pazienti con malattia recidivante in stadio IIIB o IV. La randomizzazione ha riguardato 655 pazienti assegnati a 75 mg/m2 di Docetaxel al giorno 1, più 200 mg di Nintedanib due volte al giorno al giorno 2 e fino al giorno 21, ogni 3 settimane; altri 659 pazienti sono stati invece assegnati a Docetaxel più placebo.

L’endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione, mentre l’endpoint secondario era la sopravvivenza generale.

Il periodo osservazionale è stato pari a 7.1 mesi.

I pazienti che hanno ricevuto Nintedanib hanno mostrato un significativo miglioramento della sopravvivenza libera da progressione mediana ( 3.4 mesi vs 2.7 mesi; HR=0.79 ).

Nel complesso, Nintedanib non è risultato associato a un miglioramento statisticamente significativo nella sopravvivenza generale ( 10.1 mesi vs 9.1 mesi; HR=0.94 ).

Tuttavia, tra i pazienti con diagnosi istologica di adenocarcinoma, coloro che hanno ricevuto Nintedanib ( n=322 ) hanno dimostrato una sopravvivenza globale mediana migliorata in significativo, rispetto a quelli assegnati al placebo ( n=336; 12.6 mesi vs 10.3 mesi, HR=0.83 ).

Tra i pazienti con adenocarcinoma che hanno progredito entro 9 mesi dall’inizio della prima chemioterapia, quelli assegnati a Nintedanib ( n=206 ) hanno presentato un miglioramento della sopravvivenza generale mediana rispetto a quelli assegnati al placebo ( n=199; 10.9 mesi vs 7.9 mesi; HR=0.75 ).

Più pazienti nel braccio Nintedanib sono andati incontro a reazioni avverse di grado 3 o superiore: diarrea ( 6.6% vs 2.6% ), aumento reversibile della alanina aminotransferasi [ ALT ] ( 7.8% vs 0.9% ) e aumenti reversibili di aminotransferasi aspartato [ AST ] ( 3.4% vs 0.5% ).

Trentacinque pazienti nel braccio Nintedanib e 25 nel braccio placebo sono morti per eventi avversi. Il decesso era con probabilità correlato alla progressione della malattia.
Più pazienti nel braccio Nintedanib sono morti di sepsi ( 5 vs 1 ) e insufficienza respiratoria ( 4 vs 0 ), mentre più pazienti nel braccio placebo sono morti di polmonite ( 7 vs 2 ) ed embolia polmonare ( 3 vs 0 ). ( Xagena )

Fonte: Lancet Oncology, 2014

Pneumo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro