GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
Tumore polmone

Esiti clinici dell'inibitore della proteasi dell'HIV Nelfinavir con chemioradioterapia concomitante per il tumore del polmone non-a-piccole cellule in stadio IIIA / IIIB non-resecabile


Il fallimento locale dopo la chemioradioterapia ( CT-RT ) contribuisce significativamente alla mortalità nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato ( LA-NSCLC ).
Un approccio per migliorare il controllo locale è attraverso la radiosensibilizzazione mirata del tumore.

Sono stati valutati gli effetti tossici dose-limitanti, la dose massima tollerata e la dose raccomandata di fase 2 dell'inibitore della proteasi Nelfinavir mesilato ( Viracept ), somministrata contemporaneamente a chemioradioterapia in pazienti con tumore NSCLC localmente avanzato.
Nella parte di fase 2 dello studio, è stato stimato il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), i tassi di fallimento locale e distante e la sopravvivenza globale ( OS ).

Questo studio di fase 1/2 prospettico, in aperto, a singolo gruppo, in un centro singolo, ha testato l'inibitore della proteasi orale Nelfinavir in associazione con concomitante chemioradioterapia in 35 pazienti di età compresa tra 18 e 89 anni con tumore NSCLC localmente avanzato, non-resecabile, in stadio IIIA / IIIB confermato da biopsia e un performance status minimo di Karnofsky, nel periodo 2007-2012.

Il follow-up mediano per tutti i pazienti era di 6.8 anni, con un minimo 5 anni di follow-up per tutti i sopravvissuti.

Nelfinavir mesilato orale 625 mg due volte al giorno oppure 1.250 mg due volte al giorno è stato somministrato da 7 a 14 giorni prima e durante la chemioradioterapia concomitante.

Gli esiti principali erano effetti tossici classificati, sopravvivenza globale, fallimento locale, fallimento distante, tasso di risposta obiettiva e sopravvivenza libera da progressione misurata secondo i criteri RECIST di valutazione della risposta nei tumori solidi, versione 1.1.

Sono stati arruolati 35 pazienti ( 16 donne e 19 uomini; età mediana, 60 anni ) che hanno soddisfatto i criteri specificati dal protocollo per l'adesione, con 5 pazienti alla dose di 625 mg due volte al giorno e 30 a un dose di 1.250 mg due volte al giorno.

Non sono stati osservati effetti tossici limitanti la dose. Non sono stati osservati effetti tossici non-ematologici di grado 4 o superiore.

33 dei 35 pazienti presentavano scansioni di tomografia computerizzata post-trattamento valutabili, con un tasso di risposta obiettiva del 94% ( 31 su 33 ).

L'incidenza cumulativa di fallimento locale è stata del 39%.

La sopravvivenza libera da progressione mediana è stata di 11.7 mesi. La sopravvivenza globale mediana per tutti i pazienti è stata di 41.1 mesi; il tasso di sopravvivenza globale a 5 anni è stato del 37.1% ( 8.2% ).

Lo studio ha indicato che Nelfinavir somministrato con chemioradioterapia concomitante è associato a effetti tossici accettabili e a un tasso di risposta obiettiva, fallimento locale, sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale, promettenti, nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato, non-resecabile.
Inoltre, i dati hanno mostrato che Nelfinavir può migliorare l'efficacia della chemioradioterapia standard in questa malattia. ( Xagena2019 )

Rengan R et al, JAMA Oncol 2019; 5: 1464-1472

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro