GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
OncoPneumologia

Gli inibitori della fosfodiesterasi-4 nell’asma e nella BPCO


Gli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 4 ( PDE4 ) agiscono aumentando le concentrazioni intracellulari dell’AMP ciclico.

Gli inibitori PDE4 esercitano i loro effetti antinfiammatori su varie cellule effettrici, coinvolte nell’asma e nella broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).

L’effetto antinfiammatorio degli inibitori PDE4 è esercitato mediante l’azione selettiva sul sottotipo recettoriale PDE4B, mentre l’effetto anti-emetico dall’azione su PDE4D.

I due inibitori PDE4 in sviluppo clinico più avanzato sono: Cilomilast e Roflumilast.

Il Roflumilast sembra avere un miglior profilo di sicurezza e di tollerabilità rispetto al Cilomilast.
I più comuni effetti indesiderati comprendono: nausea, diarrea, dolore addominale.

Il Roflumilast, oltre a mostrare un’attività nella BPCO, è efficace nell’asma con un effetto equivalente a quello del Beclometasone 400 microg/die.

Tuttavia i dati riguardanti gli inibitori della fosfodiesterasi IV devono essere valutati con cauto ottimismo, perché l’esatto ruolo di questi farmaci nel trattamento dell’asma e della BPCO non è stato ancora completamente delucidato.

Inoltre gli inibitori PDE4 dovranno dimostrare di essere superiori alla Teofillina, un vecchio inibitore non-selettivo della fosfodiesterasi. ( Xagena2005 )

Lipworth BJ, Lancet 2005; 365: 167-175

Pneumo2005 Farma2005


Indietro