Pneumobase.it
Esmr
Tumore polmone
Xagena Mappa

Nintedanib estende la sopravvivenza oltre 1 anno nei pazienti con adenocarcinoma avanzato dopo una precedente chemioterapia di prima linea


Una nuova analisi dei dati dello studio LUME-Lung 1 di fase III ha mostrato che Nintedanib, un inibitore triplo della angiochinasi orale che ha come target tre recettori [ VEGFR 1-3, PDGFR alfa e beta, FGFR 1-3 ] coinvolti nella angiogenesi e nella crescita tumorale, ha fornito un significativo e clinicamente rilevante beneficio di sopravvivenza globale per i pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con istologia di adenocarcinoma.

Lo studio LUME-Lung 1 ha mostrato che Nintedanib associato a Docetaxel produce un aumento statisticamente significativo della sopravvivenza globale mediana da 10.3 mesi nel braccio placebo a 12.6 mesi nel braccio Nintedanib ( hazard ratio, HR=0.83, p-value 0.04 ).

I dati hanno anche dimostrato un maggior vantaggio con Nintedanib per i pazienti con forma precoce di adenocarcinoma, che avevano in precedenza fallito il trattamento chemioterapico di prima linea.

Rispetto alla popolazione di pazienti con adenocarcinoma, i pazienti con adenocarcinoma avanzato che avevano presentato progressione entro 9 mesi dopo l' inizio del trattamento di prima linea ( T inferiore a nove mesi ) hanno raggiunto un vantaggio di sopravvivenza globale mediana di 3 mesi ( 10.9 con Nintedanib più Docetaxel versus 7.9 mesi con placebo più Docetaxel ).

L'analisi del beneficio della sopravvivenza globale osservata nei pazienti con adenocarcinoma T inferiore a 9 mesi, ha indicato che T inferiore a 9 mesi per rappresentare un biomarcatore clinico predittivo del beneficio di Nintedanib, come farmaco di seconda linea, nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule avanzato con istologia di adenocarcinoma.

I più comuni eventi avversi nello studio LUME-Lung 1 sono stati effetti collaterali gastrointestinali e aumenti reversibili degli enzimi epatici che erano gestibili mediante un trattamento di supporto o di riduzione della dose ( eventi avversi placebo vs Nintedanib: nausea 18% vs 24%, vomito 9% vs 17%, diarrea 22% vs 42% e innalzamento degli enzimi epatici 8% vs 29% ).
Il ritiro a causa di eventi avversi è risultato simile in entrambi i bracci, così come le reazioni avverse di grado 3 ( emorragie, tromboembolismo ).

Allo studio LUME -Lung 1 hanno preso parte 1.314 pazienti, in Europa, Asia e Sud Africa, che sono stati randomizzati a ricevere Nintedanib 200 mg due volte al giorno più Docetaxel 75mg/m2 una volta al giorno per 3 settimane ( n=655 ) oppure placebo più Docetaxel ( n=659 ). ( Xagena2013 )

Fonte: European Cancer Congress, 2013

Onco2013 Pneumo2013 Farma2013


Indietro