Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
OncoPneumologia

Pembrolizumab, un anticorpo anti-PD-1, nel trattamento del carcinoma del polmone non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico, esprimente PD-L1


Uno studio ha mostrato che l’anticorpo monoclonale anti-PD-1, Pembrolizumab ( Lambrolizumab; MK-3475 ), è sicuro ed efficace nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule localmente avanzato o metastatico con elevata espressione di PD-L1.

L'analisi ha incluso 217 pazienti che sono stati valutati per l'espressione di PD-L1 tramite esame immunoistochimico.

Un totale di 58 pazienti positivi per PD-L1 sono stati assegnati a Pembrolizumab 10 mg/kg ogni 2 settimane, mentre 119 pazienti hanno ricevuto 10 mg/kg ogni 3 settimane.
Quaranta pazienti negativi per PD-L1 sono stati assegnati alla dose di 10 mg/kg ogni 2 settimane.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) secondo i criteri RECIST tra tutti i pazienti è stato del 20%.
Il tasso di risposta riscontrato tra i fumatori o ex-fumatori è stato pari al 26%, mentre solo l'8% di coloro che non avevano mai fumato ha risposto.

I ricercatori hanno riportato un tasso di risposta più elevata tra i pazienti che erano PD-L1 positivi ( 23% versus 9% ).

Il tempo mediano alla risposta è stato di 9 settimane nella coorte positiva per PD-L1 e di 14 settimane nella coorte negativa per PD-L1.

I pazienti PD-L1-positivi hanno raggiunto una sopravvivenza mediana libera da progressione di 11 settimane; i pazienti negativi per PD-L1 hanno raggiunto una sopravvivenza mediana libera da progressione di 10 settimane.

Tra i pazienti positivi per PD-L1, il 26% di coloro che hanno ricevuto Pembrolizumab ogni 2 settimane ha mostrato una risposta, rispetto al 21% di coloro che avevano ricevuto il trattamento ogni 3 settimane.
Il tempo mediano alla risposta è stato di 10 settimane nella coorte 2 settimane e di 9 settimane nella coorte 3 settimane.

La maggior parte dei responder che esprimevano PD-L1 stavano ancora ricevendo il trattamento al momento della data cutoff ( 82% ).

Il 64% dei pazienti ha riportato almeno un evento avverso correlato al trattamento, e il 10% ha sperimentato uno o più eventi avversi di grado 3 o superiore.
Gli eventi avversi più comuni di qualsiasi grado sono stati affaticamento ( 20% ), artralgia ( 9% ), diminuzione dell'appetito ( 9% ) e prurito ( 8% ). ( Xagena2014 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Meeting, 2014

Onco2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro