Pneumobase.it
OncoPneumologia
Tumore polmone
Esmr

Predittori di esiti a lungo termine con Riociguat per ipertensione polmonare tromboembolica cronica


L’ipertensione polmonare tromboembolica cronica ( CTEPH ) è una malattia rara, debilitante e pericolosa per la vita.
Sono state studiate le associazioni tra i marcatori di gravità della malattia e gli esiti a lungo termine nei pazienti con CTEPH inoperabile o ipertensione polmonare persistente o ricorrente dopo endoarteriectomia polmonare ( PEA ) che stavano ricevendo Riociguat ( stimolatore della guanilato ciclasi solubile; sGC ) ( Adempas ).

Sono state presentate la sicurezza e l'efficacia dai dati del cut-off finale dello studio CHEST-2, dove la maggior parte dei pazienti aveva ricevuto Riociguat per almeno 2 anni.

I pazienti eleggibili dello studio CHEST-1 sono entrati nello studio di estensione CHEST-2, in aperto, in cui tutti i pazienti hanno ricevuto Riociguat aggiustato individualmente per una dose massima di 2.5 mg tre volte al giorno.

L'endpoint primario era la sicurezza e la tollerabilità.

Sono state fatte valutazioni esplorative di associazioni tra i marcatori di gravità della malattia ( distanza percorsa in 6 minuti a piedi [ 6MWD ], concentrazione del frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale [ NT-proBNP ] e classe funzionale WHO ) al basale e al follow-up con la sopravvivenza globale e la sopravvivenza libera da peggioramento clinico.

Un totale di 237 pazienti ha preso parte a CHEST-2.

A 2 anni, la sopravvivenza globale è stata del 93% e la sopravvivenza libera da peggioramento clinico è stata dell’82%.

Una significativa associazione con la sopravvivenza generale è stata osservata per 6MWD e la concentrazione di NT-proBNP al basale ( P=0.0199 e P=0.0183, rispettivamente ) e al follow-up ( P=0.0385 e P=0.0068, rispettivamente ).

Anche la variazione rispetto al basale del test 6MWD era significativamente associata alla sopravvivenza ( P=0.0047 ).

La classe funzionale WHO al basale e al follow-up non ha mostrato alcuna associazione significativa con la sopravvivenza globale, ma era associata alla sopravvivenza libera da peggioramento clinico.

Riociguat è risultato ben tollerato dalla maggior parte dei pazienti e non sono stati individuati nuovi segnali di sicurezza.

Eventi avversi gravi sono stati osservati in 129 ( 54% ) su 237 pazienti, e 14 ( 6% ) hanno interrotto la terapia con Riociguat a causa di eventi avversi.

Riociguat può essere impiegato a lungo termine nei pazienti con ipertensione polmonare tromboembolica cronica.
La misura 6MWD e la concentrazione di NT-proBNP sono buoni marcatori prognostici. ( Xagena2016 )

Simmoneau G et al, Lancet Respiratory Medicine 2016; 4: 372-380

Pneumo2016 Cardio2016 MalRar2016 Med2016 Farma2016


Indietro