GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Lung Unit
Pneumobase.it

Prolungata durata del QRS: un nuovo predittore di esito avverso nella ipertensione arteriosa polmonare idiopatica


Una prolungata durata del QRS ( maggiore o uguale a 120 millisecondi ) predice esiti nei pazienti con scompenso cardiaco del lato sinistro, ma l'impatto per l'ipertensione arteriosa polmonare idiopatica e scompenso cardiaco del lato destro è sconosciuto.

E’ stato valutato il valore prognostico di una prolungata durata del QRS all’ECG ( elettrocardiogramma ) nei pazienti con ipertensione polmonare arteriosa idiopatica in Cina.

Sono stati analizzati in modo retrospettivo l'ECG a 12 derivazioni iniziale per la durata del QRS in 212 pazienti consecutivi con ipertensione polmonare arteriosa idiopatica osservati nel periodo 2007-2009.

I pazienti sono stati suddivisi in base alla durata del QRS inferiore a 120 millisecondi o superiore o uguale a 120 millisecondi.

Un totale di 35 pazienti con ipertensione ( 16.5% ) ha presentato una durata del QRS maggiore o uguale a 120 millisecondi, di cui 21 ( 9.9% ) con blocco di branca destra e 14 ( 6.6% ), con ritardo di conduzione intraventricolare non-specifico.

Il prolungamento della durata del QRS è risultato associato a una peggiore classe funzionale WHO ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) e a uno sfavorevole test del cammino per 6 minuti, e superiori livelli sierici di acido urico, rispetto ai pazienti con normale durata del QRS ( P inferiore a 0.05 ).

Il prolungamento della durata del QRS è un predittore indipendente di mortalità ed è stato associato a un aumento del rischio di morte di 2.5 volte ( p=0.024 ).

Dallo studio è emerso che il prolungamento della durata del QRS è associato con la gravità clinica nei pazienti con ipertensione polmonare arteriosa idiopatica.
Inoltre, il prolungamento del QRS è correlato in modo indipendente alla mortalità cardiopolmonare, e potrebbe essere un nuovo predittore di prognosi sfavorevole nei pazienti con ipertensione polmonare arteriosa idiopatica. ( Xagena2012 )

Sun PY et al, Chest 2012;141: 374-380


Pneumo2012 Cardio2012



Indietro