Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Pneumobase.it
OncoPneumologia

Tumore ai polmoni non-a-piccole cellule precedentemente trattato: Erlotinib più Tivantinib versus Erlotinib più placebo


L'attivazione del recettore c-MET è associata a una prognosi infausta e con la resistenza all'inibitore tirosin-chinasi ( TKI ) di EGFR ( recettore del fattore di crescita dell'epidermide ) nel cancro polmonare non a piccole cellule.

Uno studio randomizzato di fase II ha esaminato Erlotinib ( Tarceva ) più Tivantinib ( ARQ 197 ), un nuovo inibitore di MET.

Pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato trattati in precedenza nuovi al trattamento con EGFR TKI sono stati randomizzati a ricevere per via orale Erlotinib ( 150 mg al giorno ) più Tivantinib orale ( 360 mg 2 volte al giorno ) o Erlotinib più placebo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.
Al momento della progressione, è stato consentito il passaggio da Erlotinib più placebo a Erlotinib più Tivantinib.

Un totale di 167 pazienti sono stati randomizzati a ricevere Erlotinib più Tivantinib ( n=84 ) ed Erlotinib più placebo ( n=83 ).

La sopravvivenza libera da progressione media è stata di 3.8 mesi per Erlotinib più Tivantinib e di 2.3 mesi per Erlotinib più placebo ( hazard ratio, HR=0.81, P=0.24 ).

Un’analisi esplorativa ha rivelato che la piccola coorte con mutazioni KRAS ha raggiunto un hazard ratio per la sopravvivenza libera da progressione di 0.18 ( P=0.006 ).

Risposte obiettive sono state osservate nel 10% dei pazienti trattati con Erlotinib più Tivantinib, nel 7% dei pazienti trattati con Erlotinib più placebo, e in due pazienti che sono passati da Erlotinib più placebo a Erlotinib più Tivantinib, di cui una con mutazione EGFR e numero di copie del gene MET superiore a 5.

Non ci sono state differenze significative negli eventi avversi tra i bracci dello studio.

In conclusione, la combinazione dell'inibitore di MET Tivantinib ed Erlotinib è ben tollerata.
Sebbene lo studio non abbia raggiunto il suo endpoint primario, è stata dimostrata evidenza di attività, soprattutto tra i pazienti con mutazioni KRAS.
Sono previsti ulteriori studi riguardo a Tivantinib ed Erlotinib nei pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena2011 )

Sequist LV et al, J Clin Oncol 2011; 29: 3307-3315


Onco2011 Pneumo2011 Farma2011


Indietro