Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
Esmr

Ventilazione non-invasiva nella sindrome obesità-ipoventilazione moderata


Studi in aperto hanno indicato che il trattamento della sindrome obesità-ipoventilazione ( OHS ) con ventilazione non-invasiva ripristina la qualità del sonno e della vigilanza diurna e riduce la morbilità cardiovascolare.

Tuttavia, non sono emersi studi controllati randomizzati che abbiano confrontato la ventilazione non-invasiva con misure conservative.

L'obiettivo di uno studio, randomizzato e controllato, è stato quello di valutare nei pazienti con sindrome obesità - ipoventilazione, gli effetti di 1 mese di terapia con ventilazione non-invasiva, rispetto alla consulenza sullo stile di vita mediante misurazioni dei gas nel sangue, qualità del sonno, vigilanza e parametri cardiovascolari, metabolici e infiammatori.

Un totale di 35 pazienti con nuova diagnosi di sindrome obesità-ipoventilazione sono stati randomizzati al gruppo ventilazione non-invasiva o al gruppo di controllo rappresentato dalla consulenza sullo stile di vita.

Le valutazioni hanno incluso i livelli di gas nel sangue, la sonnolenza diurna soggettiva, i parametri metabolici, infiammatori ( hsCRP, leptina, espressione e secrezione cellule T normali regolate sull'attivazione [ RANTES ], monociti chemoattrattivi proteina-1, IL-6, IL-8, fattore di necrosi tumorale -alfa, resistina ) e citochine antinfiammatorie ( adiponectina, IL-1-RA ), gli studi del sonno, la funzione endoteliale ( iperemia reattiva misurata mediante tonometria arteriosa periferica [ RH-PAT ] ) e rigidità arteriosa.

Nonostante la randomizzazione, i pazienti del gruppo ventilazione non-invasiva ( n=18 ) erano più anziani ( 58 vs 54 anni ) con un più alto PaCo2 basale ( 47.9 mmHg vs 45.2 mmHg ).

Nell'analisi intention-to-treat, rispetto al gruppo di controllo, il trattamento con ventilazione non-invasiva ha ridotto significativamente PaCo2 di giorno ( differenza tra i trattamenti: -3.5 mmHg ) e l'indice apnea-ipopnea (-40.3/ora ).

L'architettura del sonno è stata ripristinata, anche se i microrisvegli non-respiratori sono aumentati ( +9.4/ora di sonno ) e la sonnolenza diurna non è stata completamente normalizzata.

Nonostante un notevole miglioramento nella ipossiemia nel sonno, i parametri del metabolismo glucidico e lipidico, nonché i profili delle citochine non sono variati in modo significativo.
Di conseguenza, né la iperemia reattiva misurata mediante tonometria arteriosa periferica ( 0.02 ), né la rigidità arteriosa ( 0.22 m/s ) sono migliorate.

In conclusione, un mese di trattamento con ventilazione non-invasiva, pur migliorando il sonno e le misurazioni dei gas del sangue in modo importante, non ha cambiato i marker infiammatori, metabolici e cardiovascolari. ( Xagena2012 )

Borel JC et al, Chest 2012; 141: 692-702


Pneumo2012 Cardio2012 Endo2012



Indietro