OncoPneumologia
Ats
Esmr

La ventilazione meccanica a pressione positiva continua per la prevenzione di eventi cardiovascolari nella apnea ostruttiva del sonno


L’apnea ostruttiva del sonno è associata a un aumentato rischio di eventi cardiovascolari; non è chiaro se il trattamento con pressione positiva continua delle vie aeree ( CPAP ) possa prevenire eventi cardiovascolari maggiori.

Dopo un periodo di run-in di una settimana durante la quale i partecipanti hanno utilizzato la pressione positiva continua delle vie aeree simulata, sono stati assegnati in modo casuale 2.717 adulti ammissibili tra i 45 e i 75 anni di età con apnea ostruttiva del sonno da moderata a grave e malattia coronarica o malattia cerebrovascolare a ricevere un trattamento con pressione positiva continua delle vie aeree più la cura abituale ( gruppo CPAP ) o la cura abituale da sola ( gruppo di cura abituale ).

L'endpoint primario composito era rappresentato da morte per cause cardiovascolari, infarto miocardico, ictus oppure ospedalizzazione per angina instabile, insufficienza cardiaca, o attacco ischemico transitorio ( TIA ).
Gli endpoint secondari comprendevano altri eventi cardiovascolari, qualità di vita correlata alla salute, sintomi di russamento, sonnolenza diurna e umore.

La maggior parte dei partecipanti era rappresentata da uomini che avevano apnea ostruttiva del sonno da moderata a grave e sonnolenza minima.

Nel gruppo CPAP, la durata dell’aderenza media alla pressione positiva continua delle vie aeree è stata di 3.3 ore per notte, e l'indice medio di apnea-ipopnea ( numero di eventi di apnea o ipopnea per ora di registrazione ) è diminuito da 29.0 eventi per ora al basale a 3.7 eventi per ora durante il follow-up.

Dopo un follow-up medio di 3.7 anni, un evento di end-point primario si era verificato in 229 partecipanti nel gruppo CPAP ( 17.0% ) e in 207 partecipanti nel gruppo di cura abituale ( 15.4% ) ( hazard ratio con CPAP, HR=1.10; P=0.34 ).

Non è stato osservato alcun effetto significativo su qualsiasi endpoint cardiovascolare individuale o di altro tipo.

La pressione positiva continua delle vie aeree ha significativamente ridotto l’abitudine di russare e la sonnolenza diurna e ha migliorato la qualità della vita connessa alla salute e l'umore.

In conclusione, la pressione positiva continua delle vie aeree più la cura abituale, rispetto alla sola cura abituale, non ha impedito gli eventi cardiovascolari nei pazienti con apnea ostruttiva del sonno da moderata a grave e malattie cardiovascolari accertate. ( Xagena2016 )

McEvoy RD et al, N Engl J Med 2016; 375: 919-931

Pneumo2016 Cardio2016



Indietro