Pneumobase.it
Esmr
Tumore polmone
OncoPneumologia

Associazione di apnea ostruttiva del sonno non-riconosciuta con eventi cardiovascolari postoperatori in pazienti sottoposti a chirurgia non-cardiaca maggiore


L'apnea ostruttiva del sonno ( OSA ) non-riconosciuta aumenta i rischi cardiovascolari nella popolazione generale, ma non è chiaro se l'apnea ostruttiva del sonno rappresenti un rischio simile nel periodo perioperatorio.

È stata determinata l'associazione tra apnea ostruttiva del sonno e rischio a 30 giorni di complicanze cardiovascolari dopo importanti interventi chirurgici non-cardiaci in uno studio prospettico di coorte su pazienti adulti a rischio senza diagnosi preventiva di apnea notturna e sottoposti a importanti interventi chirurgici non-cardiaci da 8 ospedali in 5 Paesi tra il 2012 e il 2017.

Il monitoraggio postoperatorio ha incluso pulsossimetria notturna e misurazione delle concentrazioni di troponina cardiaca.

L'apnea ostruttiva del sonno è stata classificata come lieve ( indice degli eventi respiratori REI 5-14.9 eventi/ora ), moderata ( REI 15-30 ) e grave ( REI superiore a 30 ), in base al monitoraggio preoperatorio del sonno con dispositivo portatile.

L'esito primario era un composito di danno miocardico, morte cardiaca, insufficienza cardiaca, tromboembolia, fibrillazione atriale e ictus entro 30 giorni dall'intervento.

L'analisi dei rischi proporzionali è stata utilizzata per determinare l'associazione tra apnea ostruttiva del sonno e complicanze cardiovascolari postoperatorie.

Su un totale di 1.364 pazienti reclutati per lo studio, 1.218 ( età media, 67 anni; 40.2% donne ) sono stati inclusi nelle analisi.

A 30 giorni dall'intervento, i tassi di esito primario erano del 30.1% ( 41/136 ) per i pazienti con apnea ostruttiva del sonno grave, 22.1% ( 52/235 ) per i pazienti con forma moderata, 19.0% ( 86/452 ) per i pazienti con apnea ostruttiva del sonno lieve e 14.2% ( 56/395 ) per i pazienti senza apnea ostruttiva del sonno.

L'apnea ostruttiva del sonno è risultata associata a un rischio più elevato per l’esito primario ( hazard ratio aggiustato, aHR, 1.49; P=0.01 ); tuttavia, l'associazione è stata significativa solo tra i pazienti con apnea ostruttiva del sonno grave ( aHR, 2.23; P=0.001 ) e non tra quelli con forma moderata ( aHR, 1.47; P=0.07 ) o apnea ostruttiva del sonno lieve ( aHR, 1.36; P=0.08 ) ( P=0.01 per l'interazione ).

La durata media cumulativa della desaturazione dell'ossiemoglobina inferiore all'80% durante le prime 3 notti postoperatorie nei pazienti con complicanze cardiovascolari ( 23.1 minuti ) è stata più lunga rispetto a quelli senza ( 10.2 minuti ) ( P minore di 0.001 ).

Non sono stati osservati effetti di interazione significativi sugli esiti perioperatori con il tipo di anestesia, l'uso di oppioidi postoperatori e l'ossigenoterapia supplementare.

Tra gli adulti a rischio sottoposti a importanti interventi chirurgici non-cardiaci, l'apnea ostruttiva grave non-riconosciuta è risultata significativamente associata a un aumentato rischio di complicanze cardiovascolari postoperatorie a 30 giorni.
Sono necessarie ulteriori ricerche per valutare se gli interventi siano in grado di modificare questo rischio. ( Xagena2019 )

Chan MTV et al, JAMA 2019; 321: 1788-1798

Pneumo2019 Cardio2019 Chiru2019



Indietro