GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
OncoPneumologia

Bevacizumab aggiunto a Erlotinib aumenta la sopravvivenza senza progressione nel carcinoma del polmone non-a-piccole cellule


L'aggiunta di Bevacizumab ( Avastin ) a Erlotinib ( Tarceva ) come terapia di prima linea ha prodotto una sopravvivenza libera da progressione significativamente migliorata nei pazienti con cancro del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ), con mutazione nel gene EGFR.

Hanno preso parte allo studio 77 pazienti nel gruppo monoterapia con Erlotinib e 75 nel gruppo di associazione Bevacizumab ed Erlotinib. L'età media dei pazienti era di circa 67 anni in entrambi i gruppi, e più della metà non avevano mai fumato.

La sopravvivenza mediana libera da progressione nel gruppo terapia di combinazione è stata di 16 mesi contro 9.7 mesi nel gruppo solo Erlotinib, per un hazard ratio ( HR ) di 0.54 ( 95% CI, 0.36-0.79, p = 0.0015 ).
I risultati erano statisticamente e clinicamente significativi.

Sono state osservate nette differenze tra i pazienti con differenti mutazioni di EGFR. Quelli con delezione dell’esone 19 hanno presentato una sopravvivenza mediana libera da progressione di 18 mesi con la terapia di combinazione rispetto ai 10.3 mesi con il solo Erlotinib ( HR = 0.41, 95% CI, 0.24-0.72 ).
I pazienti con mutazione L858R nell’esone 21 hanno invece presentato una sopravvivenza mediana libera da progressione di 13.9 mesi con Bevacizumab e 7.1 mesi senza di esso ( HR = 0.67, 95% CI, 0.38-1.18 ).

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato pari al 69% per il gruppo di combinazione e al 64% per il gruppo in monoterapia ( p = 0.4951 ).
Il tasso di controllo della malattia è stato superiore nel gruppo Bevacizumab ( 99% vs 88%; P = 0.0177 ).
La durata mediana della risposta è stata di 13.3 mesi nel gruppo di combinazione versus 9.3 mesi con il solo Erlotinib.
Nel gruppo combinazione sono state riportate 3 risposte complete; 1 sola nel gruppo monoterapia.

Meno persone nel gruppo Bevacizumab hanno perso la risposta dopo il suo raggiungimento.

Sono stati riscontrati più eventi avversi di grado 3 o superiore con la combinazione, rispetto alla monoterapia ( 91% vs 53% ); questo era in gran parte a causa di tassi molto più elevati di ipertensione e proteinuria.
L’incidenza di eventi avversi gravi è stata simile tra i due gruppi.
Un paziente nel gruppo monoterapia è morto a causa di un evento avverso. ( Xagena2014 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2014

Onco2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro