GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
Xagena Mappa

Capmatinib mostra efficacia nel carcinoma polmonare con mutazione dell'esone 14 di MET o con amplificazione di MET, compresi i pazienti con metastasi cerebrali


Le analisi di coorte dello studio di fase 2 GEOMETRY mono-1 hanno mostrato l'efficacia dell'inibitore di MET Capmatinib ( Tabrecta ) nel trattamento di alcuni pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ), metastatico, tra cui pazienti con metastasi cerebrali.

Capmatinib ha indotto risposte profonde e durature tra i pazienti con tumore NSCLC avanzato con mutazioni associate allo skipping dell'esone 14 del gene MET.
Il profilo di sicurezza era gestibile.

GEOMETRY mono-1 multicentrico e multicoorte sta studiando l'efficacia e la sicurezza di Capmatinib negli adulti con tumore NSCLC stadio IIIB o stadio IV con mutazione dell'esone 14 di MET o con amplificazione di MET, ALK-negativo e EGFR wild-type, compresi i pazienti con metastasi cerebrali neurologicamente stabili o asintomatiche.

La coorte 4 dello studio ha incluso pazienti che avevano due o tre precedenti linee di terapia, mentre la coorte 5b ha incluso pazienti naive-al-trattamento.
I pazienti di entrambe le coorti hanno ricevuto Capmatinib alla dose di 400 mg due volte al giorno.

Il tasso di risposta globale determinato da un Comitato di revisione indipendente in cieco che utilizza RECIST versione 1.1 è servito come endpoint primario dello studio.
Gli endpoint secondari chiave includevano durata della risposta, sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sicurezza.

Novantasette pazienti, di cui 69 in coorte 4 ( 58.3% donne ) e 28 in coorte 5b ( 64.3% donne ), erano eleggibili per la valutazione.
L'età media dei pazienti in entrambe le coorti era di 71 anni.

I pazienti che non avevano precedentemente ricevuto un trattamento per la loro malattia sembravano avere una risposta maggiore a Capmatinib rispetto a quelli che avevano avuto precedenti linee terapeutiche.

I risultati hanno mostrato un tasso ORR del 40.6% ( IC 95%, 28.9-53.1 ) per la coorte 4 e 67.9% ( IC 95%, 47.6-84.1 ) per la coorte 5b, con una durata mediana della risposta di 9.72 mesi ( IC 95%, 5.55- 12.98 ) versus 11.14 mesi ( IC 95%, 5.55 - non-stimabile ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata pari a 5.42 mesi ( IC 95%, 4.17-6.97 ) nella coorte 4 e 9.69 mesi ( IC 95%, 5.52-13.86 ) nella coorte 5b.

Tredici pazienti in entrambe le coorti presentavano metastasi cerebrali al basale valutabili come determinato dal Comitato di revisione indipendente in cieco, con una media di 3.3 ( intervallo, 1-8 ) lesioni cerebrali per paziente.

Le valutazioni neurologiche basate sulla versione 1.1 di RECIST modificata hanno mostrato che sette di questi pazienti ( 54% ) hanno avuto una risposta intracranica alla terapia, quattro hanno mostrato una risposta completa per tutte le lesioni cerebrali.
Tutti tranne un paziente presentava evidenze di controllo della malattia intracranica.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento in tutte le coorti nello studio GEOMETRY mono-1 ( n = 334 ) includevano edema periferico ( 41.6% ), nausea ( 33.2% ), aumento del livello di creatinina nel sangue ( 19.5% ) e vomito ( 18.9% ).
Circa un terzo degli eventi avversi ( 35.6% ) erano di grado 3 o di grado 4, e il 21.9% dei pazienti ha richiesto un aggiustamento della dose a causa di eventi avversi correlati al trattamento.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.( Xagena2020 )

Fonte: American Association for Cancer Research ( AACR ) Virtual Meeting, 2020

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro