Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule avanzato: Pembrolizumab aumenta il tasso storico di sopravvivenza nei pazienti con più alta espressione di PD-L1 e naive-alla-chemioterapia


I dati a 5 anni dello studio clinico di fase Ib KEYNOTE-001 hanno dimostrato che Pembrolizumab ( Keytruda ) è sicuro ed efficace, e sostanzialmente è in grado di aumentare la sopravvivenza globale per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule in fase avanzata ( aNSCLC ).
In particolare, il 23.2% delle persone che non erano state precedentemente trattate con chemioterapia e il 15.5% dei pazienti precedentemente trattati erano vivi dopo 5 anni, con il maggior beneficio osservato nei pazienti con più alta espressione di PD-L1.
Questo rappresenta un netto miglioramento rispetto ai tassi di sopravvivenza a 5 anni dall'era pre-immunoterapia, che era in media del 5.5% per un tumore NSCLC.

Questo è il più lungo studio di follow-up fino ad oggi condotto su persone con un tumore al polmone non-a-piccole cellule trattato con Pembrolizumab.

Pembrolizumab si lega a una proteina sulla superficie delle cellule T chiamata PD-1.
PD-1 si lega al ligando PD-L1, inibendo la risposta immunitaria.
Bloccando PD-1, Pembrolizumab attiva le cellule T ad attaccare le cellule tumorali.

Nel 2011, quando KEYNOTE-001 ha iniziato l'arruolamento, i trattamenti immunoterapici non erano ampiamente disponibili, quindi la maggior parte dei partecipanti era stata precedentemente trattata con farmaci sistemici o terapie mirate.

Hanno preso parte allo studio 550 persone con un tumore NSCLC, tra cui 101 pazienti che non avevano precedentemente ricevuto alcun trattamento e 449 pazienti sottoposti a un precedente trattamento.
Tutti i pazienti hanno ricevuto 2 mg/kg di Pembrolizumab ogni 3 settimane o 10 mg/kg ogni due o tre settimane.
Negli ultimi anni, tuttavia, il protocollo è stato modificato in una singola dose di 200 mg indipendentemente dal peso corporeo ogni 3 settimane.

I pazienti sono stati seguiti per una mediana di 60.6 mesi, o circa 5 anni. A quel punto, il 18% degli arruolati ( 100 partecipanti ) era ancora vivo. Di quelli che non avevano ricevuto un precedente trattamento, il 23% era ancora vivo dopo 5 anni rispetto al 15.5% di quelli precedentemente trattati.

Livelli più alti di espressione di PD-L1 hanno predetto la sopravvivenza più lunga.
Nelle persone precedentemente non-trattate, il 29.6% con espressione di PD-L1 del 50% o più era vivo dopo 5 anni rispetto al 15.7% con livelli di espressione inferiori al 50%.
Nelle persone che erano state precedentemente trattate, il 25% di coloro che avevano livelli di espressione di PD-L1 del 50% o più erano vivi dopo 5 anni contro il 12.6% con livelli di espressione tra 1 e 49%.
Solo il 3.5% delle persone con livelli di espressione inferiori all'1% erano vive dopo 5 anni.

Tra le persone che hanno ricevuto Pembrolizumab dopo aver subito un precedente trattamento, il 42% ha presentato risposte che sono durate per una mediana di 16.8 mesi.
Per coloro che hanno ricevuto Pembrolizumab come terapia iniziale, il 23% ha avuto risposte che sono durate una mediana di 38.9 mesi.

Gli effetti collaterali immuno-correlati si sono verificati nel 17% degli arruolati.
L'effetto indesiderato più comune era l'ipotiroidismo.
L'effetto collaterale più grave osservato era la polmonite ( infiammazione del tessuto polmonare ), ma non era molto comune. ( Xagena2019 )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Annual Meeting, 2019

Onco2019 Pneumo2019 Farma2019


Indietro