Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Pneumobase.it
Tumore polmone

Dupilumab riduce le esacerbazioni in pazienti con asma non-controllata


L'aggiunta di Dupilumab al trattamento con corticosteroidi per via inalatoria e a beta-agonisti a lunga azione migliora la funzione polmonare e riduce il tasso annualizzato di grave riacutizzazione nei pazienti con forma moderata-grave di asma.

Dupilumab aggiunto alla terapia di combinazione ha dimostrato un miglioramento del volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ), sia in litri sia in percentuale, dal basale a 12 settimane, una riduzione delle esacerbazioni asmatiche gravi e una diminuzione dei livelli di ossido nitrico esalato dal basale a 12 settimane.

E’stato condotto uno studio multinazionale, randomizzato, controllato con placebo di 24 settimane che ha incluso 769 pazienti di età uguale o superiore a 18 anni e con diagnosi clinica di asma incontrollata.

I pazienti hanno ricevuto diverse dosi e regimi di Dupilumab, un anticorpo monoclonale interamente umano.

E’stata valutata l'efficacia e la sicurezza a 12 settimane.

I partecipanti sono stati assegnati a placebo ( n=158 ), 200 mg di Dupilumab ogni 4 settimane ( n=150 ), 300 mg di Dupilumab ogni 4 settimane ( n=157 ), 200 mg di Dupilumab bi-settimanale ( n=148 ), o 300 mg di Dupilumab bi-settimanale ( n=156 ).

I ricercatori hanno valutato i risultati in base alla conta degli eosinofili dei partecipanti prima del trattamento ( inferiore a 300/ml o superiore o uguale a 300/mL ).

Rispetto al placebo, Dupilumab ha migliorato FEV1 a 12 settimane nei pazienti con alti valori di eosinofili a tutti i dosaggi, tranne 200 mg ogni 4 settimane ( p inferiore a 0.03 ).

Tutti i regimi di Dupilumab, ad eccezione di uno [ 300 mg ogni 4 settimane ] ha ridotto i tassi di esacerbazione di asma grave in misura maggiore rispetto al placebo nella popolazione ad alta conta di eosinofili e nella popolazione generale ( p inferiore a 0.001 ).

L’incidenza di eventi avversi è stata paragonabile tra i pazienti assegnati a Dupilumab ( 69.9-73.9% ) e quelli assegnati a placebo ( 66.5% ).
La reazione al sito di iniezione è stato l'evento avverso più comune, che si è verificato nel 12.7-25% dei pazienti trattati con Dupilumab e nel 12% dei pazienti assegnati al placebo.

Sono necessarie ulteriori ricerche per meglio valutare Dupilumab in questa popolazione di pazienti. ( Xagena2015 )

Fonte: American Thoracic Society ( ATS ) Meeting, 2015

Pneumo2015 Farma2015


Indietro