Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
Esmr

Efficacia di Nivolumab in monoterapia nel tumore del polmone non-a-piccole cellule, precedentemente trattato


Nivolumab ( Opdivo ) ha prodotto risposte durature e prolungata sopravvivenza globale nei pazienti con cancro del polmone non-a-piccole cellule, trattato in precedenza.
Nivolumab è un anticorpo monoclonale completamente umano ad azione inibitoria del checkpoint immunitario PD-1.

Sono stati valutati i dati di 129 pazienti ( età media, 65 anni; 61% maschi ) con carcinoma polmonare avanzato.
I pazienti erano stati pesantemente pretrattati; il 54% aveva ricevuto tre o più trattamenti sistemici, e tutti i pazienti avevano presentato progressione della malattia durante il trattamento con almeno un regime terapeutico a base di Platino o di taxani.

I pazienti hanno ricevuto un dosaggio bisettimanale di 1 ( n = 33 ), 3 ( n = 37 ) o 10 mg/kg ( n = 59 ) di Nivolumab in cicli di 8 settimane fino a 96 settimane.

Il follow-up è stato di 39 mesi.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 9.9 mesi tra i vari dosaggi.
La sopravvivenza mediana globale per le coorti di dosaggio di 1 e 10 mg/kg è stata di 9.2 mesi; i pazienti che hanno ricevuto la dose di 3 mg/kg ( n = 37 ) [ la dose scelta per gli studi di fase 3 ] hanno raggiunto una sopravvivenza mediana globale di 14.9 mesi.

Tra i livelli di dosaggio, il tasso di sopravvivenza a 1 anno è stato del 42%, quello a 2 anni del 24%, e a 3 anni il tasso di sopravvivenza è stato del 18%.

Il 56% dei pazienti assegnati al dosaggio di 3 mg/kg ha raggiunto una sopravvivenza globale a 1 anno; il 42% a 2 anni, e il 27% a 3 anni.

La sopravvivenza mediana libera da progressione per tutta la popolazione è stata pari a 2.3 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 17% (n = 22), e la durata della risposta mediana è stata di 17 mesi ( range 1.4-36.8 ).

La sopravvivenza mediana globale, i tassi di sopravvivenza e i tassi di risposta erano paragonabili nei pazienti con forma squamosa e non-squamosa del tumore.

La maggioranza dei pazienti ( 71% ) ha sperimentato un evento avverso di qualsiasi grado; i più comuni effetti indesiderati sono stati: affaticamento ( 24% ), diminuzione dell'appetito ( 12% ) e diarrea ( 10% ).
Eventi avversi di grado 3-4 si sono verificati nel 14% dei pazienti.

Diciotto pazienti hanno cessato il trattamento per motivi diversi dalla progressione della malattia.
Tre pazienti sono morti per polmonite correlata al trattamento. ( Xagena2015 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2015

Onco2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro