Pneumobase.it
OncoPneumologia
Tumore polmone
Esmr

Inibitori del recettore della tirosina-chinasi di EGFR vs chemioterapia convenzionale nel cancro del polmone non-a-piccole cellule portatore del recettore di EGFR wild-type


Le attuali lineeguida raccomandano sia gli inibitori della tirosin-chinasi del recettore del fattore di crescita dell’epidermide ( EGFR TKI ), sia i farmaci citotossici chemioterapici come opzioni di trattamento standard per i pazienti con EGFR wild-type ( WT ) precedentemente trattati per carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ).
Tuttavia, non è chiaro se gli EGFR TKI siano efficaci come la chemioterapia nei pazienti con WT EGFR.

È stata determinata l'associazione tra la prima generazione di EGFR TKI versus la chemioterapia e la sopravvivenza nei pazienti con tumore NSCLC avanzato con WT EGFR mediante una meta-analisi di studi randomizzati controllati che hanno confrontato EGFR TKI con la chemioterapia convenzionale nei pazienti con tumore NSCLC avanzato.

Su 1947 articoli recuperati, sono stati inclusi 11 studi con 1.605 pazienti con WT EGFR.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione, misurata come hazard ratio ( HR ).
Gli esiti secondari erano il tasso di risposta obiettiva e la sopravvivenza globale, espressi come rischi relativi e HR, rispettivamente.

Tra i pazienti con tumori WT EGFR, la chemioterapia è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione, rispetto agli inibitori della tirosin-chinasi ( HR per TKI, 1.41 ).

Nessuna differenza statisticamente significativa di sottogruppo è stata identificata in termini di linea di trattamento ( prima linea vs seconda linea e successive ), farmaco sperimentale, etnia dominante, o metodo di analisi di mutazione EGFR.

Gli studi che hanno utilizzato piattaforme più sensibili rispetto al sequenziamento diretto sono stati associati a un significativo beneficio della sopravvivenza libera da progressione con la chemioterapia ( HR per TKI, 1.84 ).

L'associazione della chemioterapia con un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione è stata significativa anche in studi di seconda linea o linee successive ( HR, 1.34 ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato più alto con la chemioterapia ( 16.8% vs 7.2%, per gli inibitori della tirosin-chinasi; rischio relativo di TKI, 1.11 ); tuttavia, nessuna differenza statisticamente significativa è stata osservata per quanto riguarda la sopravvivenza globale ( HR per TKI, 1.08 ).

In conclusione, tra i pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule in fase avanzata, portatore di WT EGFR, la chemioterapia convenzionale, rispetto agli inibitori della tirosin-chinasi di EGFR di prima generazione, è stata associata a un miglioramento della sopravvivenza libera da progressione, ma non della sopravvivenza globale. ( Xagena2014 )

Lee JK et al, JAMA 2014; 311: 1430-1437

Onco2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro