Pneumobase.it
OncoPneumologia
Esmr
Tumore polmone

Ivacaftor riduce la mortalità e il ricovero nei pazienti con fibrosi cistica


I pazienti con fibrosi cistica ( CF ) che hanno ricevuto Ivacaftor ( Kalydeco ), un modulatore del regolatore di conduttanza transmembrana ( CFTR ), hanno rischi significativamente più bassi di morte, trapianto, ospedalizzazione ed esacerbazione polmonare rispetto ai comparatori non-trattati, in base ai risultati di uno studio osservazionale di sicurezza post-approvazione.

Ivacaftor è mirato al difetto fondamentale della fibrosi cistica ed è il primo di una nuova classe di farmaci, i potenziatori della proteina CFTR.
Tuttavia, poiché la fibrosi cistica è una malattia cronica, Ivacaftor è destinato all'uso per tutta la vita e la determinazione degli effetti a lungo termine della terapia, includendo sia l'efficacia che la sicurezza, è fondamentale.

Sono stati analizzati i dati di 1.667 pazienti trattati con Ivacaftor e 8.269 pazienti comparatori non-trattati dai registri della fibrosi cistica degli Stati Uniti e del Regno Unito per i rischi di morte, trapianto, ospedalizzazione, esacerbazione polmonare, complicanze correlate alla fibrosi cistica e microrganismi e alterazioni nella funzione polmonare.
I pazienti sono stati trattati per una media di 2 anni negli Stati Uniti e 1.3 anni nel Regno Unito.

Tra i pazienti statunitensi, il rischio di morte è stato significativamente inferiore nel gruppo Ivacaftor rispetto al gruppo di confronto ( 0.6% vs 1.6%; P=0.0110 ), così come il rischio di trapianto ( 0.2% vs 1.1%; P=0.0017 ).
Allo stesso modo, i rischi per l'ospedalizzazione ( 27.5% vs 43.1%, P minore di 0.0001 ) e riacutizzazione polmonare ( 27.8% vs 43.3%, P minore di 0.0001 ) sono stati significativamente inferiori per Ivacaftor rispetto al comparatore.

Osservazioni simili sono state trovate nei pazienti del Regno Unito.

In entrambi i registri, il rischio di complicanze correlate alla fiboris cistica e la prevalenza di microrganismi selezionati è risultato inferiore e i pazienti avevano una funzione polmonare meglio conservata con la terapia con Ivacaftor.

Alcuni importanti patogeni, tra cui Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa e Aspergillus secies, erano meno prevalenti nel gruppo Ivacaftor.

Come con qualsiasi studio osservazionale, questo studio è stato limitato da potenziali fattori confondenti.

Questo studio rappresenta la più grande analisi di pazienti trattati con Ivacaftor fino ad oggi, e questi risultati aggiungono supporto alla modificazione della fibrosi cistica con la modulazione di CFTR. ( Xagena2018 )

Fonte: Thorax, 2018

Pneumo2018 Farma2018


Indietro