Pneumobase.it
OncoPneumologia
Esmr
Tumore polmone

La termoplastica bronchiale, una nuova opzione terapeutica per l’asma grave


A causa dei limiti dei farmaci attualmente in commercio, persiste una significativa esigenza medica insoddisfatta per migliorare l’assistenza dei pazienti affetti da asma grave mediante un miglior controllo dei sintomi dell’asma.
Il sistema di termoplastica bronchiale Alair è un’opzione terapeutica a lunga durata d’azione per questa popolazione di pazienti ben definita.

La termoplastica bronchiale è una procedura non-farmacologica per l’asma grave nei pazienti di 18 anni o più. Si prevede che questa procedura meno invasiva sarà usata in congiunzione con i trattamenti farmacologici per l’asma tradizionali e di conseguenza migliorerà il controllo dei sintomi e la qualità di vita dei pazienti affetti da asma grave.

Il sistema di termoplastica bronchiale, Alair, è stato ideato per favorire il controllo dell’asma mediante la riduzione della massa del muscolo liscio delle vie aeree. Il muscolo liscio delle vie aeree si trova nelle pareti delle vie aeree del polmone e si assiste tipicamente a un aumento della sua quantità nei polmoni dei pazienti asmatici.
Sebbene i farmaci attualmente disponibili siano piuttosto efficaci in termini di controllo dell’infiammazione e della contrazione del muscolo liscio delle vie aeree nella maggior parte dei pazienti asmatici, alcuni pazienti affetti da asma grave continuano a manifestare una broncocostrizione eccessiva che è parte integrante di un attacco d’asma.
Ridurre il muscolo liscio delle vie aeree riduce la capacità di costrizione delle vie aeree e di conseguenza riduce la frequenza e la gravità dei sintomi dell’asma.

La termoplastica bronchiale viene eseguita mediante il sistema di termoplastica bronchiale Alair nel corso di tre visite, fissate a circa tre settimane di distanza l’una dall’altra.
La prima procedura tratta le vie aeree nel lobo inferiore destro, la seconda tratta le vie aeree del lobo inferiore sinistro e la terza ed ultima procedura tratta le vie aeree in entrambi i lobi superiori.
Ciascuna seduta dura circa un’ora e dopo un breve periodo di recupero da una sedazione moderata, il paziente può proseguire con le sue attività quotidiane a casa.

Il sistema di termoplastica bronchiale Alair, che è composto da due componenti principali, eroga energia termica nella parete della via aerea riscaldando il tessuto in maniera controllata e precisa al fine di ridurre la massa del muscolo liscio delle vie aeree.

1. Il catetere per la termoplastica bronchiale Alair, un dispositivo monouso ideato per il posizionamento mediante un broncoscopio standard attraverso il naso o la bocca. Il catetere eroga energia a radiofrequenza a rilascio controllato per l’intera lunghezza delle pareti delle vie aeree della durata di dieci secondi che provoca una riduzione del muscolo liscio delle vie aeree in eccesso che restringe le vie aeree nei pazienti asmatici.

2. Il sistema di controllo a radiofrequenza per la termoplastica bronchiale Alair, é progettato con un set di parametri di controllo e algoritmi per erogare l’intensità e la durata corretta di energia termica sufficiente a ridurre la massa di tessuto del muscolo liscio delle vie aeree e al contempo limitare l’impatto a lungo termine sui tessuti circostanti.

Il sistema Alair ha comprovati benefici a lungo termine. Nello studio clinico pivotale AIR2, gli adulti affetti da asma grave sottoposti a termoplastica bronchiale hanno dimostrato che il trattamento con il sistema Alair ha portato a un miglioramento della qualità di vita e ai seguenti benefici rispetto a una procedura di controllo alla cieca durante il follow-up a lungo termine: miglioramenti in termini di controllo dell’asma fino a due anni, riduzione pari al 32% degli attacchi d’asma, riduzione pari all’84% delle visite al Pronto Soccorso a causa di sintomi respiratori, riduzione pari al 73% dei ricoveri ospedalieri a causa di sintomi respiratori, riduzione pari al 66% dei giorni persi al lavoro/a scuola o per altre attività quotidiane dovuti all’asma.

La termoplastica bronchiale ha un ottimo profilo di sicurezza e di efficacia a lungo termine, con evidenze di sicurezza a lungo termine fino a 5 anni e di durata dell’effetto fino a 2 anni.
Nel periodo immediatamente successivo alla termoplastica bronchiale, si è verificato un aumento transitorio previsto della frequenza e del peggioramento dei sintomi correlati all’apparato respiratorio, inclusi asma ( sintomi multipli ), infezioni del tratto respiratorio, respiro sibilante, dispnea e dolori al torace, che erano della tipologia prevista in seguito a una broncoscopia nei pazienti asmatici. Questi eventi si sono solitamente verificati entro un giorno dalla procedura e si sono risolti in media entro sette giorni con la terapia standard.
Nel lungo periodo successivo al trattamento, un numero inferiore di pazienti trattati con termoplastica bronchiale ha riportato eventi avversi a livello respiratorio.

Secondo i ricercatori dello studio AIR2, il rischio maggiore di eventi avversi nel breve periodo in seguito alla termoplastica bronchiale era superato dai benefici, che persistevano per almeno 2 anni. ( Xagena2012 )

Fonte: Boston Scientific, 2012


Pneumo2012 Chiru2012



Indietro