Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Pneumobase.it
Xagena Mappa

Nivolumab e Ipilimumab come terapia di mantenimento nel tumore polmonare a piccole cellule a malattia estesa: studio CheckMate 451


Nel tumore polmonare a piccole cellule a malattia estesa ( ED-SCLC ), i tassi di risposta alla chemioterapia di prima linea a base di Platino sono robusti, ma le risposte mancano di durata.
CheckMate 451, uno studio di fase III in doppio cieco, ha valutato Nivolumab ( Opdivo ) associato a Ipilimumab ( Yervoy ) e Nivolumab in monoterapia come terapia di mantenimento dopo chemioterapia di prima linea per tumore ED-SCLC.

I pazienti con tumore ED-SCLC, ECOG performance status 0-1 e nessuna progressione dopo 4 cicli o meno di chemioterapia di prima linea sono stati assegnati in modo casuale a Nivolumab 1 mg/kg più Ipilimumab 3 mg/kg una volta ogni 3 settimane per 12 settimane seguito da Nivolumab 240 mg una volta ogni 2 settimane, Nivolumab 240 mg una volta ogni 2 settimane o placebo per 2 anni o meno, o fino a progressione o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( OS ) con Nivolumab più Ipilimumab rispetto al placebo. Gli endpoint secondari sono stati testati gerarchicamente.

Complessivamente, sono stati assegnati in modo casuale 834 pazienti. Il follow-up minimo è stato di 8.9 mesi.

La sopravvivenza globale non è stata significativamente prolungata con Nivolumab più Ipilimumab rispetto al placebo ( hazard ratio HR, 0.92; P=0.37; mediana, 9.2 vs 9.6 mesi ).

L'hazard ratio per la sopravvivenza globale con Nivolumab rispetto al placebo è stato di 0.84; la sopravvivenza globale mediana per Nivolumab è stata di 10.4 mesi.

L'hazard ratio di sopravvivenza libera da progressione rispetto al placebo è stato pari a 0.72 per Nivolumab più Ipilimumab e 0.67 per Nivolumab.

Una tendenza verso un beneficio di sopravvivenza globale con Nivolumab più Ipilimumab è stata osservata nei pazienti con carico mutazionale del tumore maggiore o uguale a 13 mutazioni per megabase.

I tassi di eventi avversi di grado 3-4 correlati al trattamento sono stati Nivolumab più Ipilimumab ( 52.2% ), Nivolumab ( 11.5% ) e placebo ( 8.4% ).

La terapia di mantenimento con Nivolumab più Ipilimumab non ha prolungato la sopravvivenza globale per i pazienti con tumore al polmone a piccole cellule a malattia estesa che non hanno progredito con la chemioterapia di prima linea.
Non ci sono stati nuovi segnali di sicurezza. ( Xagena2021 )

Owonikoko TK et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1349-1359

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro