Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Pneumobase.it
Tumore polmone

Pembrolizumab nei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule con performance status 2: studio PePS2


Il blocco terapeutico di PD-1 e del suo ligando PD-L1 ha trasformato la gestione del tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ).
Gli studi clinici con Pembrolizumab ( Keytruda ) hanno arruolato pazienti con performance status ( PS ) pari a 0-1.

Tuttavia, circa il 18% dei pazienti con tumore NSCLC hanno performance status PS2 e l'attività e la sicurezza di Pembrolizumab in questi pazienti non sono ben definite.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Pembrolizumab in questi pazienti.

È stato condotto uno studio multicentrico, a braccio singolo, in aperto, di fase 2 ( PePS2 ) in dieci ospedali nel Regno Unito, in cui ai pazienti con tumore NSCLC e un'attribuzione rigorosa di PS2 sono stati somministrati 200 mg di Pembrolizumab ogni 3 settimane.
La valutazione del trattamento è stata stratificata in base al punteggio TPS ( Tumor Proportion Score ) e alla linea di terapia.

Gli esiti co-primari erano: beneficio clinico durevole ( DCB ), definito come il verificarsi di una risposta completa, parziale o stabile, persistente almeno fino alla seconda scansione di tomografia computerizzata ( CT ) programmata a 18 settimane; e tossicità, definita come il verificarsi in qualsiasi momento di un ritardo della somministrazione della dose correlato al trattamento o dell'interruzione del trattamento a causa di un evento avverso.

L'analisi ha incluso tutti i pazienti che hanno ricevuto qualsiasi dose di Pembrolizumab. Oltre a riportare la semplice incidenza osservata per gli esiti co-primari, beneficio clinico e tossicità, è stata anche stimata l'incidenza.

Tra il 2017 e il 2018, su 112 pazienti valutati per l'eleggibilità, sono stati reclutato 62 pazienti.
60 pazienti erano valutabili per gli esiti co-primari.
L'età media era di 72 anni; 33 dei partecipanti ( 55% ) erano uomini e 27 ( 45% ) erano donne.

L'incidenza osservata per beneficio clinico durevole è stata del 38% nei pazienti in prima linea ( n=24 ) e del 36% nei pazienti nelle linee successive ( n=36 ); beneficio clinico durevole è stato del 22% nei pazienti con punteggio TPS inferiore all'1% ( n=27 ), 47% nei pazienti con punteggio TPS tra l’1% e il 49% ( n=15 ) e 53% nei pazienti con punteggio TPS del 50% o superiore ( n=15 ).
Nelle stime basate su modello è stato anche mostrato un aumento dell'incidenza di beneficio clinico durevole con punteggio TPS.

La tossicità è stata osservata nel 28% dei pazienti, 11 su 60 ( 18% ) a causa del ritardo della dose e 6 su 60 ( 10% ) a causa dell'interruzione del farmaco.
Non sono stati osservati eventi avversi di grado 5 correlati al trattamento e nessuna morte prematura è stata attribuita a iperprogressione.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati dispnea ( n=9 ), iponatriemia ( n=5 ) e anoressia ( n=4 ).
Ci sono stati 10 eventi avversi gravi considerati correlati al trattamento, comprendenti diarrea ( n=3 ) e danno renale acuto, insufficienza surrenalica, iperbilirubinemia, mucosite orale, rash, infezione delle vie urinarie e vomito ( n=1 ciascuno ).

I pazienti con tumore NSCLC con performance status PS2 sono un gruppo di pazienti con necessità terapeutiche insoddisfatte.
Lo studio PePS2 ha mostrato che Pembrolizumab può essere somministrato in sicurezza a questi pazienti, senza aumentare il rischio di tossicità immuno-correlate o di altro tipo.

Gli esiti di efficacia sono stati buoni almeno quanto quelli nei pazienti con performance status PS0-1, e i dati dovrebbero indurre i medici a incorporare Pembrolizumab nel percorso di trattamento dei pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule con PS2. ( Xagena2020 )

Middleton G et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 895-904

Pneumo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro