Pneumobase.it
Esmr
Tumore polmone
OncoPneumologia

Sicurezza a lungo termine e tollerabilità di Nintedanib nei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica: risultati dello studio di estensione INPULSIS-ON


L'efficacia e la sicurezza di Nintedanib ( Ofev ), un inibitore della tirosin-chinasi intracellulare, in pazienti con fibrosi polmonare idiopatica sono state valutate in due studi clinici controllati con placebo di fase 3 INPULSIS.
I pazienti che hanno completato il periodo di trattamento di 52 settimane in uno studio INPULSIS potevano ricevere Nintedanib in aperto nello studio di estensione, INPULSIS-ON.

Sono state valutate l'efficacia a lungo termine e la sicurezza di Nintedanib in INPULSIS-ON.

I pazienti che hanno completato il periodo di trattamento di 52 settimane di INPULSIS e la visita di follow-up 4 settimane più tardi, erano idonei per INPULSIS-ON.
Il periodo di sospensione tra INPULSIS e INPULSIS-ON poteva essere di 4-12 settimane.
I pazienti trattati con Nintedanib 100 mg due volte al giorno o placebo alla fine di uno studio INPULSIS potevano ricevere Nintedanib 100 mg due volte al giorno o 150 mg due volte al giorno in INPULSIS-ON.
I test spirometrici sono stati eseguiti al basale, alle settimane 2, 4, 6, 12, 24, 36, 48 e poi ogni 16 settimane.

L'esito primario di INPULSIS-ON era caratterizzare la sicurezza a lungo termine e la tollerabilità di Nintedanib nei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica, analizzate in pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di Nintedanib in INPULSIS-ON.

Il primo paziente è stato arruolato in INPULSIS-ON nel 2012.

Su 807 pazienti che hanno completato gli studi INPULSIS, 734 ( 91% ) sono stati trattati in INPULSIS-ON.
430 pazienti ( 59% ) hanno ricevuto Nintedanib in INPULSIS e hanno continuato ad assumere Nintedanib in INPULSIS-ON, e 304 ( 41% ) hanno ricevuto placebo in INPULSIS e hanno iniziato ad assumere Nintedanib in INPULSIS-ON.

Il tempo di esposizione mediano per i pazienti trattati con Nintedanib sia negli studi INPULSIS che INPULSIS-ON è stato di 44.7 mesi.

Il profilo di sicurezza di Nintedanib in INPULSIS-ON è stato coerente con quello osservato in INPULSIS.

La diarrea è stata l'evento avverso più frequente in INPULSIS-ON ( 60.1 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno continuato con Nintedanib, 71.2 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno iniziato con Nintedanib ).
20 su 430 pazienti ( 5% ) che hanno continuato con Nintedanib e 31 su 304 pazienti ( 10% ) che hanno iniziato con Nintedanib hanno interrotto definitivamente Nintedanib a causa della diarrea.

L'evento avverso che più frequentemente ha portato alla sospensione permanente di Nintedanib è stata la progressione della fibrosi polmonare idiopatica ( 51 pazienti, 12%, che hanno continuato Nintedanib e 43 pazienti, 14%, che hanno iniziato Nintedanib ).

Il tasso di sanguinamento è stato di 8.4 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno continuato Nintedanib e 6.7 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno iniziato Nintedanib.

Il tasso di eventi di eventi avversi cardiovascolari maggiori è stato di 3.6 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno continuato Nintedanib e 2.4 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno iniziato Nintedanib.

Il tasso di eventi di infarto miocardico utilizzando un ampio campo di applicazione ( cioè tutti i casi possibili ) è stato di 1.3 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno continuato Nintedanib e 0.7 eventi per 100 anni-esposizione del paziente nei pazienti che hanno iniziato Nintedanib.

Dai risultati è emerso che Nintedanib ha un profilo gestibile di sicurezza e tollerabilità per l'uso a lungo termine, senza nuovi segnali di sicurezza.
I pazienti con fibrosi polmonare idiopatica potrebbero impiegare Nintedanib a lungo termine per rallentare la progressione della malattia. ( Xagena2019 )

Crestani B et al, Lancet Respiratory Medicine 2019; 7: 60-68

Pneumo2019 Farma2019


Indietro